Questo sito utilizza i cookie

Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie anche di terze parti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere l'informativa cliccando su "Maggiori Informazioni".
Cliccando sul pulsante "Accetto" date il consenso all'utilizzo dei cookie.

+ - reset
int2.jpg

 

Visitare Trento sulle orme di Chiara
 

Da anni e sempre più Trento è diventata meta privilegiata di gruppi di giovani, ragazzi, bambini e famiglie, ma anche sacerdoti o religiosi e religiose, provenienti dai cinque continenti. Mescolati sulle strade al popolo dei turisti, non si distinguono se non per la motivazione che li ha spinti ad arrivare fin qui. Desiderano ripercorrere il manifestarsi a Trento, durante le macerie provocate dalla II guerra mondiale, di una nuova corrente d'amore sgorgata dal vangelo nella vita e nel pensiero di Chiara Lubich e delle sue prime compagne. I gruppi visitano, sì, i luoghi, li vedono con gli occhi e li abbracciano con il cuore, ma soprattutto rivivono quanto quei posti testimoniano.
 

Li trovi raccolti in via Prepositura e davanti a S. Maria Maggiore, in piazza Duomo, nel vicolo delle Androne, in via Travai, davanti alle scuole Rosmini, alla chiesa del Santissimo, al bosco di Gocciadoro... E si fermano a lungo in piazza dei Cappuccini n. 2, davanti alla porta di quel piccolo appartamento dove Chiara Lubich e le sue prime compagne, a partire dall’autunno 1943, diedero vita a “la casetta”, così tanti la chiamavano: prodromo di quello che oggi si conosce come “focolare”.


 

Lo IUS in visita a Trento

 

In mezzo alle montagne rocciose del fondovalle dell’Adige, la piccola Trento del 1920 ha visto nascere quella che sarebbe divenuta una delle sue più celebri cittadine: Chiara Lubich. A 24 anni, mentre i genitori dovevano scappare dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, la seconda dei quattro fratelli Lubich ha deciso di rimanere nella sua città. Lei aveva un grande ideale da vivere lì con le sue prime compagne: l'Amore. 

Leggi tutto...

Alla scoperta di Trento e del suo territorio

Agli inizi di luglio e per una settimana, 158 cittadini dell’Irlanda si sono fermati a Trento, ospitati al Centro Mariapoli di Cadine. Provenienti da 20 delle 32 Province dell’Irlanda, del Nord e del Sud, famiglie, giovani, ragazzi e bambini, hanno percorso le strade di Trento alla scoperta del suo patrimonio culturale e spirituale e delle sue bellezze naturali. Una ventina di teenagers ha incontrato il sindaco Pacher per dirgli il loro impegno per la pace.

Leggi tutto...

Le città e il Vangelo

Una cinquantina di pastori dell'area evangelico-protestante della Bakke University di Seattle (USA), e della P.L.A.C.E. (Partners in Learning and Acting together in Cities of Europe), di diversi Paesi dell'Europa, hanno trascorso a Trento due intense giornate. La domanda principale che collega entrambi i gruppi è quella sull’ “urban mission”: come cioè presentare il vangelo in ambito urbano, luogo privilegiato peraltro dal fenomeno della secolarizzazione.
L'iniziativa di far partire da Trento il percorso di studio di pastori, teologi, giornalisti è venuta dal pastore Robert Calvert, responsabile della Chiesa internazionale riformata scozzese in Olanda. Alla visione americana delle chiese libere, infatti, l'Europa appare quasi perduta per il cristianesimo, ma un interesse forte lo suscitano i movimenti.

Leggi tutto...

Nuovo legame tra Trento e Augsburg-Ottmaring

“Dialogo ecumenico ‘a piccoli passi’”, “Ci aspettiamo tanto da Trento”: così i quotidiani trentini intitolavano la cronaca sul soggiorno in città di un gruppo di 46 luterani e cattolici, provenienti dalla cittadella di Ottmaring-Augsburg, sud della Germania, nei giorni 1-3 luglio scorso. Motivo principale del viaggio era confrontarsi insieme con il messaggio squisitamente ecumenico che Trento può offrire: sede di quel Concilio che, nel XVI secolo, segnò drasticamente la divisione tra mondo riformato e mondo cattolico; città – come hanno scritto i quotidiani - che negli anni ’40, a ridosso della seconda guerra mondiale, vide sorgere un carisma, affidato a Chiara Lubich, che oggi unisce milioni di persone di molte chiese e denominazioni cristiane, di religioni diverse e al di là di una fede religiosa.

Leggi tutto...

Immettere fraternità nell'interdipendenza tra i popoli

La municipalità di Fontem, nel cuore del Camerun, ha a che fare con la città di Trento?
Che la risposta sia affermativa lo dimostra la volontà del suo Sindaco, Mbiaoh Francis Nkemabi di visitare il capoluogo trentino all’indomani della II Giornata dell’Interdipendenza svoltasi a Roma gli scorsi 11 e 12 settembre, per partecipare alla quale si è recato in Italia.
E lo dimostra anche l’accoglienza che il sindaco Alberto Pacher ha preparato per lui. 

Leggi tutto...

Sulle orme di Chiara

Nessun evento

> scarica la guida dell'itinerario
"sulle orme di Chiara Lubich"  a
                 Trento

 

>scarica la mappa con i luoghi
presentati nella guida di Trento

 

 

Chiara Lubich
e la Valle di Primiero

 

>scarica la mappa con i luoghi
presentati nella guida di
                Primiero

mappa luoghi Primiero

 

 

 

 

 

 

 

 

Franco De Battaglia
A Trento con Chiara Lubich. Le parole dei luoghi.
Il Margine, 2011

 

Centro Mariapoli

Newsletter

Informativa privacy
Joomla : www.trentoardente.it